Partecipare

Sono diverse le modalità con cui poter partecipare al Sostegno Sociale Parrocchiale.

  1. Attraverso offerte liberali:
    – offerte in chiesa nell’apposita cassetta predisposta;
     offerta tramite PayPal;
    – bonifico bancario con causale “offerta sostegno sociale parrocchiale”  – frutto di scelte personali.
    IBAN: IT92U0845236081058000079957
  2. Attraverso progetti di Carità domestica: piccole scelte famigliari o personali che, a partire dalla propria quotidianità, realizzano una somma di denaro da destinare al progetto “Sostegno Sociale Parrocchiale”.
    Quanto raccolto può essere consegnato a mano o attraverso bonifico bancario (vedi sopra).
    Più sotto, trovi alcuni esempi.
  3. Diventando Messaggeri di Carità, per divulgare il progetto nella propria via di residenza o nel quartiere, con i vicini di casa, con i condomini, negli ambienti di lavori, con amici e gruppi di appartenenza.
  4. Diventando “Sentinelle di Carità, segnalando al parroco e alla commissione incaricata situazioni di disagio e difficoltà di cui si è a conoscenza, facendosi così da tramite, mantenendo la riservatezza e la cura necessaria.

Supporta il Sostegno Sociale Parrocchiale con PayPal

DONA ORA

Esempi di “Carità domestica”

Di seguito trovate alcune proposte per far diventare il progetto a cui abbiamo aderito molto concreto e accessibile a tutti. L’idea è non di fare offerte o raccolte straordinarie, ma generare il bene dalla vita ordinaria, che evidentemente ha anche un valore in soldi. In queste proposte l’accento è posto non sul valore dei soldi, ma sull’esperienza che genera sostegno, genera valore in proporzione alla scelta. La fantasia in questo senso non ha limiti.

  • Un gruppo di persone decidono di fare una cena insieme. Ognuno prepara qualcosa da condividere. Insieme si decide che la cena ha un prezzo simbolico (esempio 5/10 euro). Tutti i partecipanti contribuiscono con la propria quota e ciò che raccolgono lo destinano al “Sostegno sociale parrocchiale”.
  • Molti bambini e ragazzi usano videogiochi in casa, a volte anche giocando in rete. Un tempo per questo tipo di gioco bisognava andare in patronato o in altri luoghi, comprare i gettoni o risparmiare alcune monete.Un genitore potrebbe simbolicamente aiutare il proprio figlio a dare valore a questo tipo di attività dicendo per esempio: “Ogni partita, o tempo di gioco, ha un valore di (0,20/0,50 cent)”. Così ogni volta che si gioca si tengono i conti e ciò che si raccoglie si destina al “Sostengo sociale parrocchiale”.
  • Tanti di noi hanno la buona consuetudine di portare dei fiori in cimitero, esprimendo così l’affetto e la cura per i propri cari. Una persona potrebbe dire: “Ogni volta che compro dei fiori da portare ai miei defunti, aggiungo simbolicamente una cifra (3/5 euro). Ciò che raccolto lo destino al “Sostengo sociale parrocchiale”.
  • Molti di noi usano abbonamenti per assistere a partite di calcio, film e serie TV (Netflix, Amazon, DAZN, ecc… ). Questi abbonamenti hanno un costo fisso. Una persona potrebbe dire: “Ad ogni film o altro evento a cui assisto, do un valore (0,50 cent./1 euro) come se avessi comprato il biglietto. Ciò che raccolto lo destino al “Sostengo sociale parrocchiale”.
  • Ci sono persone che ogni giorno prendono il caffè al bar. È un modo per incontrare qualcuno e mantenere anche delle relazioni, non c’è nulla di male! Una persona potrebbe dire “scelto tre giorni a settimana di offrire simbolicamente un caffè ad una persona”. Se un caffè costa 1,20 euro (esempio) e quella settimana va al bar tre volte, spende 3,60 euro. Altri 3,60 li mette da parte e li destina al “Sostengo sociale parrocchiale”.
  • Ci sono persone che per lavoro usano moltissimo l’auto e hanno una spesa di carburante elevata. Uno potrebbe dire “io spendo alla settimana 100 euro di carburante. Su questa spesa calcolo una piccola percentuale che accantono, come se dovessi far un po’ di benzina/gasolio/gas/metano a una persona che in questo momento non ha la possibilità economiche per farlo ma deve andare al lavoro.
  • Oppure uno potrebbe dire “questa settimana ho fatto 1000 km per lavoro. Per ogni km fisso una quota simbolica in centesimi di euro. Quanto separa a fine settimana/mese lo destina al “Sostengo sociale parrocchiale”.
  • Ogni famiglia paga delle utenze (bollette e cose varie). Fatti bene i conti una famiglia potrebbe dire: “sul totale calcolo una piccola percentuale” Lo destina al “Sostengo sociale parrocchiale”.
  • Molte persone prendono la pizza per asporto, il valore di una pizza per asporto può variare tra i 5 e i 10 euro. Una famiglia decide di ordinare le pizze e dice “Ne ordino 4 però tiro fuori i soldi per cinque”. Se per esempio il conto per 4 pizze è di 25 euro ogni pizza è costata in media 6,25 euro. Come famiglia accantono 6,25 euro/ o il 50% 3,10 e lo destino al “Sostengo sociale parrocchiale”.